Alberta Ferretti, una vita per la moda

Data di pubblicazione:07 Settembre 2019
By Mancini

Da Cattolica al mondo, ecco la carriera della stilista

“Ho avuto la fortuna di avere avuto una mamma, proprietaria di un atelier, che è stata anche un’amica, una maestra di stile, di comportamento e di valori. A cinque anni ero in sartoria e mi addormentavo sui tessuti mentre la guardavo lavorare. Ma quello che mi ha insegnato di più è stata la capacità di stare in mezzo alle persone, la cura delle relazioni umane con chi ami, con chi lavori”. Alberta Ferretti ha raccontato così i suoi inizi. Scopriamo insieme la sua brillante carriera.

I favolosi anni Ottanta

La sartoria della madre di Alberta è a Cattolica e chiude nel 1965 quando lei ha appena 15 anni. Le sue idee però sono chiare, il mondo della moda ormai è entrato sotto la sua pelle. Così all’età di 18 anni, sempre a Cattolica, apre il suo primo negozio, Jolly Shop. È una boutique di grandi firme dove è facile trovare anche sue creazioni. Da questa esperienza e dai contatti instaurati con i vari stilisti, nasce nel 1974 la sua prima collezione e nel 1980 l’azienda Aeffe. Iniziano anni brillantissimi per Alberta che nel 1981 apre lo showroom a Milano e due anni più tardi debutta sulle passerelle milanesi. I favolosi anni’80 le regalano anche un’amicizia e una partnership destinata a durare nei decenni. Nel 1983 inizia, infatti, la collaborazione con Franco Moschino. Entrambi condividono, oltre l’estro creativo, quel pizzico di irriverenza che renderà uniche le loro creazioni. L’anno successivo, il 1984, vede la nascita della seconda linea “ Philosophy di Alberta Ferretti” e nel 1994, anno della scomparsa dell’amico Franco, stringe un accordo con lo stilista Jean Paul Gaultier per la produzione e la distribuzione delle linee prêt-à-porter. Moschino però le resta nel cuore e così nel 1999 rileva il 70% della Moonshadow, proprietaria del marchio. Con la fusione e incorporazione di Monnshadow in Moschino spa, prende vita Aeffe Fashion Group che nel corso degli anni diventerà uno dei principali gruppi mondiali nel design, nella produzione e distribuzione di beni di lusso.

Alla conquista del mondo

Se gli anni Ottanta sono stati quelli dell’ascesa al successo per Alberta Ferretti, gli anni Novanta sono quelli della consacrazione. Nel 1996 sbarca negli Stati Uniti e nasce Aeffe Usa con l’apertura di uno showroom a New York sulla 56ª strada e nel 1997 stipula un altro accordo di collaborazione con Narciso Rodriguez. Oggi le sue boutique monomarca sono presenti a Milano, Roma, Capri, Parigi, Londra, Shanghai, Mosca, Kiev, Kuwait City, Jeddah, Doha, Beirut, Taipei e Montecarlo. Dal 2010 è disponibile una boutique online che è gestita direttamente. Gli abiti firmati da Alberta Ferretti sono stati indossati sui red carpets più fotografati del mondo da personaggi del cinema e della musica come Sandra Bullock, Susan Sarandon, Katy Perry, Dua Lipa, Juliette Binoche, Céline Dion, Chiara Ferragni, Regina King, Amal Clooney, Jane Fonda e molte altre. Il suo gusto sempre raffinato emerge nei suoi meravigliosi abiti da sera e nella raffinata linea sposa. Eleganti, colorati, fluidi e veramente unici: così si contraddistinguono gli abiti della Ferretti, che le donano una visibilità e un successo internazionale. Grazie ai suoi importanti lavori la stilista ha ricevuto grandi riconoscimenti e premi, tra questi è Cavaliere del lavoro grazie alla nomina del Presidente Oscar Luigi Scalfaro. Ha un Premio alla Carriera consegnatole da Veltroni, e il premio The Romantics conferito dall’International Fashion Group. Nel 2008, Marie Claire Spagna l’ha nominata la Migliore stilista dell’anno.  Solo un anno prima aveva finalmente presentato per la prima volta la sua pre-collezione con una sfilata a New York.

La linea Alberta Ferretti Junior

Anche Alberta Ferretti ha deciso di estendere il suo marchio al kidswear, un segmento in costante crescita: la linea di abbigliamento per bambini, Alberta Ferretti Junior, prodotta e distribuita dalle Manifatture Daddato, società italiana leader nel segmento kidswear di lusso, ha debuttato con la collezione Primavera Estate 2019. Alberta Ferretti ha dichiarato: “In un momento così intenso e positivo, di crescita e nuovi progetti per il mio marchio, il lancio della linea bambini è per me un ulteriore stimolo alla creatività”. Dario Daddato, co-fondatore delle Manifatture Daddato, ha commentato: “Alberta Ferretti è stato da sempre un obbiettivo aziendale determinante per consolidare la nostra presenza nel mercato kids del lusso. Per questo oggi siamo estremamente orgogliosi di aver raggiunto questo accordo con Aeffe per la produzione e la distribuzione della linea bambino di un marchio iconico della moda italiana”. La linea ha proposto nuances naturali, per capi military. Le maglie hanno frange in stile far west, e il look western si completa con stivaletti raso terra, ballerine con nastri alla caviglia e sandali intrecciati. C’è anche la linea da cerimonia e l’iconica Rainbow Week per le più piccole: 7 t-shirt, altrettanti maglioncini e 7 vestitini per ciascuno giorno della settimana. Oggi l’esperienza kidswear continua con successo anche per la stagione Autunno Inverno 2019/2020 con borsette e zaini glamour che faranno di certo tendenza tra le giovanissime!  

Leave a comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: