Epifania: come si festeggia la Befana nel mondo

Data di pubblicazione:05 Gennaio 2022
By Mancini
Le feste sono finite ed è arrivata la festa più dolce dell’anno: l’Epifania, quella che tutte le feste si porta via. Secondo la tradizione italiana, il sei di gennaio, una dolce vecchina in sella ad una scopa distribuisce dolcini a tutti i bambini del mondo. Se sei stato cattivo, per te niente dolci, solo carbone (di zucchero) Da bambini era bellissimo svegliarsi il 6 di Gennaio e trovare sulle coperte una calza piena dei nostri dolci preferiti e, se proprio eravamo stati bravi, anche un regalo.  Ora, da adulti, ci sarebbe da fare i complimenti a tutti quei genitori che si svegliavano di notte per comporre le nostre calze di cioccolato. Se da noi Epifania vuol dire fare il pieno di dolciumi, non vuol dire che sia uguale ovunque: trattandosi infatti di una tradizione popolare, il mito della befana cambia di Paese in Paese. Insomma, Paese che vai Befana che trovi. Come si festeggia l’Epifania negli altri Paesi del mondo?  Se sei curioso di saperlo, continua a leggere.

La Befana in Francia

Cominciamo da una dei posti più belli d’Europa: La Francia. Nonostante il Paese sia considerato uno dei più romantici del mondo, in realtà i francesi sono molto pragmatici. Pur di non perdere una giornata di lavoro, in Francia L’Epifania viene festeggiata la prima domenica utile di gennaio. Rispetto a quanto succede in Italia, in Francia la festa della Befana diventa un po’ più light: ogni anno per questa festa si prepara una torta, la Galette De Rois. All’interno dell’impasto della torta viene inserita una fava. La torta viene poi tagliata a fette (tante fette quanti sono i commensali). Il fortunato che troverà nella sua fetta di torta la fava, sarà proclamato re per un giorno: dovrà essere quindi servito e riverito dagli altri familiari.

Germania

Ci allontaniamo ancora di più dalle nostre tradizioni per approdare in Germania, dove più che una festa di folklore dedicata ai più piccoli, l’Epifania diventa una vera e propria festa religiosa: in occasione del 6 Gennaio i tedeschi vanno ad ascoltare una speciale omelia. Per chi non riuscisse a recarsi in Chiesa, i sacerdoti passano per le strade principali per benedire le abitazioni.

Russia

In Russia, invece, il calendario  ortodosso cambia tutto: per i russi, il 6 gennaio non rappresenta l’epifania ma il vero e proprio Natale: si da il via quindi a pranzi celebrativi e al consueto scambio di regali, portati ai piccoli da Padre Gelo e da sua moglie Babuvska.

Spagna e Romania

Si avvicina molto alla tradizione italiana quella della Spagna: da quelle parti, a portare regali e dolciumi ai più piccoli sono invece i Re magi, che dopo un lunghissimo viaggio per le calde strade del deserto, si fermano ad ogni porta in cerca di ristoro e conforto, lasciando in regalo piccoli doni. Proprio per questo i bambini sono soliti lasciare sulla porta una ciotola piena d’acqua (per dissetare i cammelli) e un po’ di cibo. In Romania invece, sono i bambini a spostarsi casa per casa per raccontare storie a chi decide di ospitarli: in cambio, ricevono leccornie. Come vedi, ci sono modi diversissimi di festeggiare la Befana in ogni paese d’Europa, ma una cosa in comune ce l’hanno sicuramente tutti: il cibo. Come per tutte le feste, anche per la Befana, arriva il momento di rimpinzarsi di dolci: dal 7 Gennai si ritorna, volente o nolente, alla vita di sempre. E tu, come festeggi l’Epifania?

Leave a comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: