Pet Therapy per bambini: gli animali aiutano la salute

Data di pubblicazione:14 Maggio 2022
By Mancini
Quanto è bello il rapporto tra gli esseri umani e gli animali? È una lunghissima storia d’amore corrisposta che ha cambiato per sempre la vita di molte persone. Avere a casa un piccolo animale domestico (che sia un cane o un gatto) migliora moltissimo le giornate di chi li possiede. Tornare a casa e sentire lo scarpiccìo delle zampette sul pavimento, alza subito il livello delle nostre endorfine e ci fa sentire felici ed appagati. Possedere un animale domestico comporta tanto impegno in termini di tempo e denaro. Ma i benefici sono da tempo provati scientificamente. Anche il solo contatto con un animale può:
  • Abbassare i livelli di zucchero nel sangue
  • Migliorare la pressione arteriosa
  • Regolare i battiti cardiaci
  • Combattere attacchi di ansia e panico.
Avere accanto un animale migliora la condizione fica e mentale dei proprietari, e non solo negli adulti: anche e soprattutto i bambini trovano grandissimo vantaggio dal contatto con gli animali. Per sfruttare al meglio queste caratteristiche benefiche, si è deciso piano piano di coinvolgere gli animali in percorsi di riabilitazione fisica e mentale.

Pet Therapy per bambini: quando nasce?

Con questo preciso obbiettivo è nata la Pet Therapy, una disciplina terapeutica che affida ai piccoli amici a quattro zampe l’importantissimo compito di portare i piccoli pazienti sulla strada della guarigione. La Pet Therapy nasce negli anni Sessanta, dall’intuizione di un giovane medico americano, Boris Levinson. Quasi per caso, Levinson si rese conto che un suo paziente affetto da una grave forma di autismo riusciva a trasmettere e dominare meglio le sue emozioni dopo il contatto con il suo cane.

Pet Therapy per bambini: utilizzi e contesti

Da questa importantissima e apparentemente banale intuizione, ebbero origine gli studi che oggi hanno dato alla Pet Therapy grandissimo risalto nelle terapie riabilitative di ogni genere. Utilizzare il contatto diretto con gli animali per accelerare il processo di guarigione è una strada percorsa ormai in molti ambiti. Vediamo insieme quali sono:
  • Come abbiamo detto poco sopra, la Pet Therapy è utilizzata soprattutto per trattare i disturbi neurologici legati all’apprendimento e alla relazione. I bambini affetti da autismo o altri disturbi del comportamento riescono ad esprimere meglio le loro emozioni se a contatto con un animale. Accarezzare un cane, giocarci, cercare un’interazione con lui, significa uscire dalla bolla emotiva che questi bimbi e questi giovani costruiscono intorno a loro. Il solo contatto con il morbido pelo di un animale aiuta a liberare gli ormoni del benessere, che permettono di rilassarsi e scatenare pensieri positivi. Non ci credi? Prova a pensarci: secondo te perché quando vedi un piccolo animale per strada sei subito sopraffatto dalla voglia di accarezzarlo? È il tuo cervello che te lo impone.
  • Oltre che per i disturbi del comportamento, l’utilizzo della Pet Therapy nei bambini e negli adulti si è rivelato risolutivo anche per la risoluzione dei traumi emotivi. È stato dimostrato che l’interazione prolungata con animali aiuti, piano piano, a ritrovare il contatto con la parte più istintiva e animale di ognuno. In questo modo si riescono ad eliminare le emozioni negative e si riesce a buttar fuori tutto quello che blocca il benessere mentale.
  • Utilizzare la Pet Therapy è utile anche in ambito scolastico ed educativo: insegnare ai bambini come prendersi cura degli animali, dare loro dei compiti ripetitivi da portare a termine è importantissimo. Aiuta a responsabilizzarli e facilità il processo di apprendimento.
Inoltre, è provato che un’ora a settimana almeno di contatto con un animale migliora l’umore dei bambini e allevia il loro stress.

Tempo e costanza

Tutti i meccanismi fino ad ora descritti sono frutto di studi lunghi ed articolati. Chi decide di affidarsi alla pet therapy per guarire non deve e non può aspettarsi risultati brevi ed immediati. Lavorare sulla propria psiche e sulle proprie emozioni con l’aiuto di un animale è un percorso lungo e non sempre semplice. Bisogna istaurare il giusto grado di fiducia con l’animale e avere la giusta costanza e perseveranza. Procedere per gradi. Solo così potrà funzionare.

Leave a comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: